Un Audace Visione: Come Star Trek Si è Prima Fatto a Schermo

Star Trek Serie classica Stagione 1 Episodio 1 “L’Uomo in Trappola” nella Foto: William Shatner come il Capitano James T. Kirk, Leonard Nimoy come il Signor Spock – CBS Paramount Television / Getty Images

Star Trek Serie classica Stagione 1 Episodio 1 “L’Uomo in Trappola” nella Foto: William Shatner come il Capitano James T. Kirk, Leonard Nimoy come Mr., Spock CBS Paramount Television / Getty Images

Da Richard Zoglin / TEMPO di Libri

21 luglio, 2016 8:30 AM EDT

Come uno di quei primitivi pianeti l’equipaggio della Enterprise, di tanto in tanto inciampare su (e dove si sarebbe potuto fare in modo, grazie per la prima Direttiva, non utilizzare le loro futuristiche conoscenza e l’equipaggiamento per alterare la civiltà normale corso di sviluppo), la nascita di Star Trek sembra ormai data quasi preistorico, la televisione era., Creatore Gene Roddenberry si accamparono il suo spazio, la serie di avventure di reti come un “Vagone di un Treno per le Stelle”, un cenno al western che erano ancora il gold standard nella popolare fiction TV nel 1960. Gli effetti speciali erano quasi comicamente low-tech e tutti coloro giocattolo petto phaser pistole, stagnola copricapo per gli alieni e stock colpi di membri dell’equipaggio a spintonato nel corridoio ogni volta che un’esplosione ha scosso la nave. (Le cinture di sicurezza non erano ancora richieste in auto, molto meno astronavi.,) L’Enterprise non è mai atterrata su nessuno dei pianeti visitati—i membri dell’equipaggio sono stati “teletrasportati” lì invece-per la semplice ragione che gli effetti speciali sarebbero stati troppo costosi.

“Space: the final frontier”, ha intonato William Shatner nella famosa apertura dello show, annunciando la missione quinquennale dell’Impresa statunitense per esplorare nuovi mondi, per cercare nuove civiltà, per “andare coraggiosamente dove nessun uomo è mai andato prima.,”Ma la missione terminò nel 1969 dopo appena tre stagioni, quando la NBC cancellò la serie a causa dei bassi ascolti che oggi, nel frammentato mondo dei cavi, sarebbe stato salutato come un grande successo.

Eppure Star Trek ha avuto una rinascita improbabile e ha viaggiato per diventare il successo cult più duraturo nella storia della TV. La serie ha ottenuto un secondo vento in repliche sindacato; poi è arrivata una serie di cartoni animati Sabato mattina (con le voci della maggior parte del cast originale); poi, nel 1979, il primo di sei lungometraggi che riuniscono la troupe televisiva sul grande schermo., Un sequel della serie originale, Star Trek: The Next Generation, ha debuttato nel 1987 ed è diventato la serie più quotata in sindacato (off-network) televisione. Ciò è stato seguito da altre tre serie TV e altri sei film, con il cast di Next Generation e una nuova serie di attori che ritraggono l’equipaggio originale dell’Enterprise nei loro giorni più giovani. Ancora un altro lungometraggio-il 13th, Star Trek Beyond – arriverà nelle sale a luglio 2016.,

Lo spettacolo era una miniera d’oro di merchandising, generando oggetti come novelizzazioni in brossura di episodi di Trek, T-shirt, action figure, modelli della nave stellare Enterprise, monete commemorative, videogiochi e set di scacchi di Star Trek. La prima convention di Star Trek, tenutasi allo Statler Hilton Hotel di New York nel gennaio 1972, attirò 3.000 fan; nel giro di due anni, la partecipazione alla riunione annuale era quadruplicata. Linee familiari- ” Beam me up, Scotty “(che non è mai stato effettivamente parlato proprio in quelle parole nello show);” Vivere a lungo e prosperare”, Mr., Spock’s Vulcan valedictory—divenne slogan nazionali. Gli appassionati hanno scritto libri che analizzano gli episodi e l’ethos dello show; i membri del cast hanno rivelato memorie dei loro giorni sulla serie. I gadget futuristici dello show hanno anticipato le innovazioni della vita reale, come i telefoni cellulari e la tecnologia di scansione medica. La NASA originariamente intendeva nominare il suo primo shuttle craft la Costituzione. Dopo che i fan di Trek hanno lanciato una campagna di scrittura di lettere nel 1976, l’agenzia spaziale è passata alla scelta più popolare: Enterprise.

Ma Star Trek è sempre stato più di un semplice oggetto d’amore di un nerd di fantascienza., La serie è nata nel bel mezzo del turbolento 1960, e le sue avventure nello spazio spesso riflettevano e commentavano le questioni di quel decennio di divisione: la guerra del Vietnam, i diritti civili, la politica della guerra fredda, il movimento ambientalista in erba. Lo spettacolo aveva una mentalità idealistica della controcultura degli anni ’60, immaginando un mondo del 23 ° secolo in cui gli umani avevano superato la guerra e il pregiudizio. ” Dobbiamo imparare a vivere insieme, o sicuramente moriremo tutti insieme ” è stato il modo in cui Roddenberry, morto nel 1991, ha espresso il messaggio dello show., “Anche se Star Trek doveva intrattenere o andare fuori onda, credevamo che il nostro formato fosse abbastanza unico da permetterci di sfidare e stimolare il pubblico.”Star Trek ha dimostrato che uno spettacolo d’azione nello spazio esterno potrebbe fare appello alla nostra intelligenza, affrontare problemi seri e, in un momento difficile, offrire qualche speranza per il futuro.

Roddenberry, un ex pilota Pan Am nato in Texas e addetto stampa per il Dipartimento di polizia di Los Angeles, ha iniziato a scrivere sceneggiature nel 1950 per spettacoli televisivi come Dragnet, Dr. Kildare e Have Gun, Viaggerà., Appassionato di fantascienza fin dalla scuola media, ha avuto l’idea di una serie che avrebbe mescolato il formato antologico di spettacoli di fantascienza come The Twilight Zone e The Outer Limits con un cast di personaggi continui-una sorta di Viaggi del futuro di Gulliver, come lo ha descritto una volta.

Ha preso l’idea prima di programmare i dirigenti della CBS, che lo hanno interrogato per due ore sui suoi piani per lo spettacolo e poi gli hanno detto addio e hanno comprato Lost in Space. Ha avuto più fortuna alla NBC, che ha ordinato un episodio pilota., Intitolato “The Cage”, lo spettacolo ha interpretato Jeffrey Hunter (una star del lungometraggio che era apparsa con John Wayne in The Searchers e ha interpretato Gesù Cristo in King of Kings) come capitano di una nave stellare di nome Pike che viene fatto prigioniero su un pianeta i cui abitanti vogliono usarlo per allevare una nuova razza. La rete ha respinto lo spettacolo come “troppo cerebrale”, ma è piaciuto il concetto abbastanza per dare Roddenberry un’altra possibilità con un secondo pilota.

Il secondo go-round presentava un cast quasi completamente nuovo., Sostituendo Hunter (che ha deciso che recitare in una serie di fantascienza sarebbe stata una brutta mossa di carriera), Roddenberry ha interpretato William Shatner, un attore canadese con una notevole esperienza teatrale e cinematografica, nel ruolo del capitano James T. Kirk. Ad unirsi a lui sul ponte c’era un equipaggio vistosamente internazionale: un capo ingegnere scozzese (James Doohan), un timoniere giapponese (George Takei) e un capo delle comunicazioni afroamericano (Nichelle Nichols), nonché un medico di nave non nazionalista, interpretato nel pilota da Paul Fix e in seguito da DeForest Kelley.,

Solo un membro del cast è rimasto dal pilota originale: Leonard Nimoy, nel ruolo del signor Spock, metà vulcaniano e metà umano. NBC ha voluto cadere anche lui, lamentandosi che le orecchie a punta di Nimoy e le sopracciglia sinistre lo hanno fatto sembrare ” satanico.”Ma Roddenberry ha insistito per tenerlo. “Sentivo che non potevamo fare uno spettacolo spaziale senza almeno una persona a bordo che ti ricordava costantemente che sei nello spazio e in un mondo del futuro”, ha detto. “NBC ha finalmente accettato di fare il secondo pilota con Spock in esso, dicendo,” Bene, tipo di tenerlo in background.,”Spock, con la sua mente scrupolosamente logica e gli esotici poteri vulcaniani, divenne presto il personaggio più popolare dello show.

A differenza della maggior parte degli spettacoli televisivi del giorno, che potevano riutilizzare oggetti di scena e set da altri spettacoli polizieschi o western o sitcom, Star Trek ha dovuto creare praticamente un intero nuovo mondo da zero. Il layout dell’Impresa è stato mappato in dettaglio. Roddenberry ossessionato sulla verosimiglianza dei gadget, costumi e terminologia. Tenere il passo con la tecnologia reale si è rivelata una sfida. Le armi a mano trasportate dall’equipaggio erano originariamente chiamate laser., Quando Roddenberry si rese conto che i laser della vita reale potrebbero diventare un luogo comune nel giro di pochi anni, ha fatto un interruttore dell “ultimo minuto e li ha chiamati” phaser.”Non volevamo che la gente ci dicesse tra tre anni,” Oh, dai ora, i laser non possono farlo”, ha spiegato.

Roddenberry consegnò il suo secondo pilota nel gennaio 1966, e questa volta la NBC lo raccolse per il programma autunnale. Star Trek ha fatto il suo debutto in rete nella notte di Giovedi, settembre 8, di fronte i miei tre figli e stregato., (Il primo episodio non era il pilota ma un altro episodio, chiamato “The Man Trap”, in cui l’equipaggio incontra un alieno simile a un vampiro che succhia le sue vittime a secco di sale corporeo. La NBC voleva un mostro.) La reazione iniziale non è stata incoraggiante. “Star Trek ovviamente sollecita la sospensione totale dell’incredulità, ma non funzionerà”, ha scritto Variety. “Anche all’interno del suo quadro di riferimento fantascientifico è stato un incredibile e triste pasticcio di confusione e complessità.”

Le valutazioni erano abbastanza buone da vincere il rinnovo della serie a, ma a metà della sua seconda stagione, la NBC era pronta ad annullarlo., Una fervente campagna di scrittura di lettere da parte dei fan ha convinto la rete a invertire se stessa-la prima istanza registrata di una campagna del pubblico che salva uno show televisivo condannato. Ma era solo una tregua temporanea. Per la sua terza stagione, il budget dello show è stato tagliato, Roddenberry si è allontanato dal coinvolgimento quotidiano, e dalla maggior parte delle luci la qualità dello show è diminuita drasticamente. Entro la fine della terza stagione, la cancellazione era una conclusione scontata.

Nelle sue tre stagioni, Star Trek aveva prodotto solo 79 episodi, ma questo era sufficiente per vendere le repliche in syndication., Lì si sono dimostrati incredibilmente popolari e la pressione ha iniziato a costruire per riportare la serie. Invece, spinto dal successo di Star Wars, Paramount (che aveva acquisito i diritti della serie da Desilu, lo studio che originariamente lo ha prodotto) ha deciso di dare alla troupe di Star Trek un colpo al grande schermo. Il film del 1979 Star Trek: The Motion Picture fu solo un mediocre successo, ma il suo seguito del 1982, Star Trek II: The Wrath of Khan (con Ricardo Montalbán che ricreava un cattivo che aveva interpretato in un episodio di Trek della prima stagione), fu un successo sia con la critica che al botteghino., Il franchise ha iniziato ad espandersi a velocità di curvatura.

Le nuove iterazioni hanno superato la serie originale piuttosto grezza in molti modi. Star Trek: The Next Generation, con un equipaggio e un cast completamente nuovi guidati dall’attore della Royal Shakespeare Company Patrick Stewart (e con Roddenberry di nuovo in carica), vantava valori di produzione più elevati e trame sci-fi più sofisticate, per non parlare di valutazioni migliori dell’originale mai ottenuto., E la quarta serie, Star Trek: Voyager, che ha debuttato nel 1995, ha rettificato una grave lacuna delle versioni precedenti: per la prima volta, una donna (Kate Mulgrew) era al comando della nave.

Tuttavia, la serie originale è andata coraggiosamente dove stavano andando alcuni programmi televisivi del suo tempo. Il suo cast multiculturale e multirazziale era di per sé una dichiarazione sulla diversità. “Intolleranza nel 23 ° secolo? Improbabile!”disse Roddenberry. “Se l’uomo sopravviverà così a lungo, avrà imparato a provare piacere nelle differenze essenziali tra gli uomini e tra le culture.,”Quando Pravda si lamentò che l’equipaggio spaziale internazionale non includeva alcun rappresentante dell’Unione Sovietica, Roddenberry aggiunse Walter Koenig al cast nella seconda stagione, come il navigatore russo Chekov.

Le avventure spaziali, inoltre, erano spesso allegorie sottilmente mascherate per problemi sociali molto attuali. In un episodio, ” Lascia che sia il tuo ultimo campo di battaglia”, l’equipaggio dell’Enterprise incontra un pianeta, tutti i cui abitanti sono neri da un lato, bianchi dall’altro., Eppure sono dilaniati dall’odio razziale tra coloro che sono neri nella metà destra e quelli neri a sinistra—una dura, se non sottile, condanna del pregiudizio razziale. Nel tema della Guerra fredda “A Private Little War”, Kirk affronta un dilemma sull’opportunità di fornire armi a un popolo primitivo impegnato in una guerriglia, per abbinare le armi che i romulani hanno dato ai loro nemici. In un altro episodio, Kirk viene preso prigioniero dai romulani e tenuto come spia dopo che l’Enterprise si allontana nella zona neutrale-una storia ispirata all’allora recente cattura nordcoreana del U. S. S. Pueblo.,

“La televisione era così strettamente censurata che la fantascienza era l’unico modo per sfuggire ai tabù della politica, della religione o di qualsiasi altra cosa controversa”, ha detto Roddenberry. “Non mi considero davvero uno scrittore di fantascienza, ma sono interessato a ciò che sta accadendo su questo pianeta e a ciò che potrebbe accadere. Nella nostra società, trattiamo l’uomo sempre meno come un individuo e più come un organismo sociale.”

La visione utopica di Roddenberry non si rifletteva sempre dietro le quinte., Diversi scrittori per lo spettacolo, tra cui il famoso autore di fantascienza Harlan Ellison (che ha scritto il classico episodio di viaggio nel tempo “City on the Edge of Forever”), hanno fumato l’abitudine di Roddenberry di riscrivere gli script in modo che si conformassero alla sua rigorosa concezione dei personaggi e del messaggio dello show. Alcuni membri del cast si sono lamentati negli anni successivi dell’ego di Shatner e della sua gelosia nei confronti di qualsiasi co-protagonista (specialmente Nimoy) che lo ha messo in difficoltà con più battute.,

Né gli attori hanno sempre accolto con favore l’essere typecast per un’intera carriera, costretti a riprendere i loro personaggi per anni di fronte ai nerd di Trek la cui ossessiva devozione allo spettacolo aveva il suo lato raccapricciante. Lo stesso Shatner lo espresse in modo memorabile in uno sketch del Saturday Night Live del 1986. Apparendo a una convention di Star Trek, il capitano della TV Kirk diventa nervoso dopo troppe domande ossessionate dai fan. “Fatti una vita!”alla fine si sfoga con i fan scioccati-prima di essere castigato da un organizzatore di convention e tornare al microfono per affermare che stava, ovviamente, solo giocando al” evil Capt., Kirk “dall’episodio” Il nemico dentro.”

I fan erano sollevati. Shatner, nello schizzo e nella vita reale, sembrava rassegnato al suo destino kirkiano. E Star Trek—lo spettacolo, i film, il franchise, il culto-ha raggiunto un’impresa che nemmeno una fusione mentale vulcaniana avrebbe potuto prevedere. Visse a lungo e prosperò.

– TIME Books
TIME Books

Richard Zoglin è il critico teatrale di TIME e l’autore di Hope: Entertainer of the Century., Per saperne di più in speciale Star Trek del tempo: All’interno della serie di fantascienza più influente mai. Disponibile presso i rivenditori e presso Amazon.com.

Contattaci all’indirizzo [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *