Prima di prendere l’Iprofene, prova questo

Inoltre, dice Alban Latremoliere, un fisiologo del dolore al Boston Children’s Hospital, i FANS non sempre funzionano bene-il che potrebbe indurre le persone a prendere dosi sempre più elevate quando dovrebbero rivolgersi ad altri trattamenti. “Invece di cercare una pillola che funzioni per ogni tipo di dolore, dobbiamo pensare ad approcci combinati che trattano i problemi sottostanti”, dice.

Se sei preoccupato per il livello di medicina del dolore che stai assumendo, ecco alcune cose che potresti provare.,

Paracetamolo o aspirina

A differenza dell’iprofene, il paracetamolo da banco non è stato collegato a problemi cardiaci. Nagda lo raccomanda ad alcuni dei suoi pazienti-soprattutto anziani-che non sono buoni candidati per i farmaci anti-infiammatori.

Tuttavia, il farmaco non è privo di rischi. ” Lo raccomandiamo su base necessaria, piuttosto che su un regime 24 ore su 24″, afferma Nagda. “Le persone dovrebbero comunque stare attente alle dosi, e se ne hanno bisogno un po’ regolarmente, dovrebbero parlare con il loro medico di base per testare la loro funzionalità epatica.,”

L’aspirina è un’altra opzione. Mentre è un FANS, gli studi sull’uso regolare dell’aspirina suggeriscono un effetto cardiovascolare protettivo, piuttosto che un aumento dei rischi. (Può, tuttavia, causare sanguinamento dello stomaco e ulcere.) “Se qualcuno ha dolore regolare e sta pianificando di fare qualcosa di più faticoso del normale, potrei dire loro di prendere un’aspirina extra-forte in anticipo”, dice Nagda.,

DI PIÙ: La nuova linea di fondo sulla vostra aspirina quotidiana

Acidi grassi omega-3

Per l’artrite e le condizioni correlate, gli studi dimostrano che gli acidi grassi omega-3—si trovano nei pesci, integratori di olio di pesce, noci e semi—possono aiutare a ridurre il dolore e l’infiammazione. La Fondazione Arthritis raccomanda di assumere capsule di olio di pesce con almeno il 30% di omega-3.

Latremoliere dice che seguire una dieta ricca di pesce, frutta, verdura e cereali integrali può anche alleviare il dolore in tutto il corpo, anche se probabilmente non prenderà il posto dei farmaci per il dolore del tutto., “Se prendi l’abitudine di evitare cibi che promuovono l’infiammazione e mangiare cibi che aiutano a ridurlo, può sicuramente essere utile”, dice.

Curcuma

Nonostante una recente recensione che ha messo in discussione i benefici della curcumina—il composto attivo nella curcuma—Nagda dice che le persone in cerca di sollievo dal dolore potrebbero ancora voler provare ad aggiungere la spezia gialla alla loro dieta.

“Ha proprietà antinfiammatorie e ci sono alcuni piccoli studi che mostrano benefici per i pazienti con artrite reumatoide e altre forme”, dice., È sicuro in quantità utilizzate nella cottura e nell’aromatizzazione del cibo, quindi finché non ti dispiace il gusto, c’è poco aspetto negativo.

Agopuntura

Questa tecnica di medicina tradizionale cinese può aiutare a ridurre il dolore associato a mal di schiena, dolore al collo, artrite, mal di testa, dolore alla fibromialgia dopo l’intervento chirurgico, secondo la ricerca. Non tutti coloro che cercano l’agopuntura migliorano, dice Nagda, ma ” quando si guardano rischi e benefici rispetto ad altri metodi come i FANS, l’agopuntura esce in cima con rischi minimi.,”

Mentre il costo dell’agopuntura può essere proibitivo per molti malati di dolore, è sempre più coperto dall’assicurazione sanitaria—almeno in parte—poiché i suoi benefici diventano più chiari. Il massaggio è un altro approccio che è stato dimostrato per alleviare il mal di schiena cronico.

Esercizio e movimento consapevole

L’esercizio fisico regolare è un buon modo per scongiurare il dolore cronico e ridurre i sintomi se si sviluppa. Ma alcuni tipi di movimento possono essere più utili di altri.

Tai chi ha dimostrato di avvantaggiare le persone con fibromialgia, ad esempio, e lo yoga può aiutare con il mal di schiena e l’artrite., ” Anche se queste tecniche non diminuiscono necessariamente il dolore, possono aiutare le persone ad affrontarlo meglio”, afferma Nagda.

Nagda raccomanda anche di nuotare a molti dei suoi pazienti con dolore, come un modo per rimanere attivi e flessibili senza stressare le articolazioni. E per gli infortuni, sottolinea il valore di usare calore e ghiaccio e vedere un fisioterapista, piuttosto che mascherare il dolore con una pillola.

Meditazione

In uno studio del 2016, le persone che praticavano la meditazione seduta per 20 minuti al giorno avevano meno reazione a uno stimolo doloroso rispetto a quelli che si sedevano e leggevano un libro., La ricerca non ha incluso persone con dolore cronico, ma gli autori dicono che la meditazione potrebbe avere un potenziale come alternativa agli antidolorifici come i farmaci oppioidi. Altre ricerche hanno dimostrato che la consapevolezza può ridurre l’esperienza di una persona di dolore fisico (e dolore emotivo, troppo).

“Se mediti, stai aiutando il tuo cervello a rilassarsi e ad entrare in uno stato in cui alcune delle sue regioni possono essere rallentate”, dice Latremoliere. “Ciò potrebbe aiutare a ridurre l’attenzione sul dolore o l’attenzione agli stimoli, quindi ha senso che potrebbe aiutare le persone a sentirsi meglio.,”

Più sonno (o caffè, in un pizzico)

La ricerca di Latremoliere sui topi, pubblicata di recente su Nature Medicine, ha dimostrato che la privazione cronica del sonno può migliorare la sensibilità al dolore—e che una dose di caffeina può temporaneamente invertire tali effetti. Gli studi sugli esseri umani hanno anche suggerito che rimanere svegli per lunghi periodi di tempo può abbassare le soglie delle persone per il dolore e che l’equivalente di alcune tazze di caffè prima di un allenamento può ridurre il dolore muscolare percepito.,

“La nostra ricerca suggerisce che se hai dolore cronico e non dormi abbastanza, il tuo dolore è probabilmente maggiore a causa di ciò”, afferma Latremoliere. Le persone dovrebbero diffidare di fare affidamento sulla caffeina per cavarsela, tuttavia. “Il caffè al mattino potrebbe aiutare a ridurre il dolore e farti passare la giornata”, dice, ” ma se lo hai troppo tardi nel corso della giornata potrebbe peggiorare il tuo sonno e il tuo dolore.”

Contattaci all’indirizzo [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *